QUANDO SI PUÒ USUFRUIRE DELL'ECOBONUS PER IL RISPARMIO ENERGETICO

 Sono previste agevolazioni fiscali in caso di interventi finalizzati ad aumentare il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti. Fino al 31 dicembre 2017, salvo ulteriori proroghe, è prevista la detrazione Irpef del 65% da calcolare su di una cifra variabile in base al tipo d'intervento sostenuto.

COME SI RICHIEDE

È necessario inviare apposita comunicazione all'ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energie e lo sviluppo economico sostenibile) presentando una una serie di documenti relativi all'intervento realizzato, da far redigere necessariamente a un tecnico abilitato.

DOCUMENTI DA TRASMETTERE

Entro 90 giorni dalla fine dei lavori occorre trasmettere all'ENEA:

  • Copia dell'attestato di certificazione o di qualificazione energetica (allegato A del decreto);
  • La scheda informatica (allegato E o F del decreto), relativa agli interventi realizzati.

La data di fine lavori, dalla quale decorre il termine per l'invio della documentazione all'Enea, coincide con il giorno del cosiddetto "collaudo" (e non di effettuazione dei pagamenti). Se, in considerazione del tipo di intervento, non è richiesto il collaudo, il contribuente può provare la data di fine lavori con altra documentazione emessa da chi ha eseguito i lavori (o dal tecnico che compila la scheda informativa).

DETRAZIONE MASSIMA PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO

  • 100.000€ per riqualificazione energetica di edifici esistenti;

  • 60.000€ per involucro edifici (per esempio pareti, finestre - compresi gli infissi - su edifici esistenti);

  • 60.000€ per istallazione di pannelli solari;

  • 30.000€ per sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale;

  • 60.000€ per acquisto e posa delle schermature solari elencate nell'allegato M del decreto legislativo n. 311/2006;

  • 30.000€ per acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calori alimentati da biomasse combustibili.

DOCUMENTI UTILI

  • Asseverazione del tecnico abilitato utile a dimostrare che l'intervento realizzato è conforme ai requisiti richiesti. Se vengono eseguiti più interventi sullo stesso edificio la certificazione può avere carattere unitario e fornire in modo complessivo i dati e le informazioni richieste. In alcuni casi, questo documento può essere sostituito da un certificato dei produttori, per esempio, per interventi di sostituzione di finestre e infissi o per le caldaie a condensazione con potenza inferiore a 100kW

  • Attestato di qualificazione energetica, che comprende i dati relativi all'efficienza energetica propri dell'edificio. Tale certificazione è prodottoa dopo l'esecuzione degli interventi, utilizzando procedure e metodologie apprvate dalle regioni e dalle province autonome di Trento e Bolzano con proprio regolamento antecedente l'8 ottobre 2005

  • Scheda informativa relativa agli interventi realizzati, redatti secondo lo schema riportato nell'allegto E del decreto o allegato F, se l'intervento riguarda la sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliari o l'istallazione di pannelli solari. La scheda descrittiva dell'intervento di cui all'allegato F può essere compilata anche dall'utente finale. La scheda deve contenere: i dati identificativi del soggetto che ha sostenuto le spese e dell'edificio su cui i lavori sono stati eseguiti, la tipologia di intervento eseguito e il risparmio di energie che ne è conseguito, nonchè il relativo costo, specificando l'importo per le spese professionali e quello utilizzato per il calcolo della detrazione.

ALTRE INFORMAZIONI UTILI

La detrazione NON è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste per i medesimi interventi da altre disposizioni di legge nazionali (quali, per esempio, la detrazione per il recupero del patrimonio edilizio). Se gli interventi realizzati rientrano sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico sia in quelle previste per le ristrutturazione edilizie, si potrà usufruire, per le medesime spese, soltato dell'uno o dell'altro beneficio, rispettando gli adempimenti previsti per l'agevolazione prescelta.


La presente informativa contiene indicazioni e riferimenti di carattere generale sugli argomenti trattati, che non sono da considerare esaustive o sufficienti al fine di adottare decisioni di alcun genere. Le informazioni fornite, nei limiti del possibile espresse con linguaggio atecnico e di facile comprensione, non costituiscono in alcun modo consulenza professionale, né in materia fiscale, né di tipo legale. Il Gruppo Credem non può essere ritenuto responsabile per eventuali danni derivanti da decisioni da chiunque adottate, o non adottate, utilizzando le informazioni e le considerazioni riportate nella presente informativa.


Hai bisogno di Informazioni?
Vuoi fissare un appuntamento?
CONTATTACI