GUIDA ALLA SICUREZZA ONLINE DELLA TUA IMPRESA.

Credem ti propone alcuni preziosi consigli per utilizzare in assoluta sicurezza Business ON - l'Internet Banking per la tua impresa.

 

 

Proteggi la tua impresa.

Definisci una policy aziendale sulla sicurezza informatica.

  • Si tratta di un documento riassuntivo circa l’utilizzo dei servizi di Internet anking da parte dei dipendenti che si è deciso di abilitare.
  • Ricorda di mantenere aggiornato il documento perché rifletta la struttura dell'azienda.
  • Definisci come gestire le password di accesso, chiedendo di non condividerle con altri colleghi e di aggiornarle di frequente evitando quelle poco sicure.

Stabilisci chi può utilizzare Business ON.

  • Crea per ogni utente un profilo di accesso, differenziandolo in base alle esigenze.
  • Attribuisci le abilitazioni agli applicativi necessari.
  • Definisci la postazione da utilizzarsi. Su questo pc è opportuno che sia la posta elettronica, che la navigazione siano controllati da programmi antivirus aggiornati.

Utilizza Backup e servizi Cloud.

  • È importante non dipendere da un solo dispositivo e per questo metti sempre al sicuro i tuoi dati tramite backup.
  • È buona norma avere tre copie dei dati, possibilmente in almeno due dispositivi differenti. Non basta proteggere solo alcuni dispositivi, ad esempio quelli più utilizzati nelle attività quotidiane, ma anche quelli secondari. È facile infatti che le minacce online vengano veicolate da tutti i dispositivi, soprattutto quelli mobile.

Software sempre aggiornati e installa antvirus e firewall.

  • È molto importante installare sistemi di antivirus e firewall e aggiornare i software in dotazione ai dipendenti. Può sembrare un rallentamento dell’attività aziendale, ma avere programmi sempre aggiornati permette di proteggersi da criminali che prediligono violare un computer dotato di software obsoleto.

Diffondi buone norme da seguire sulla sicurezza informatica.

  • Proponi corsi di formazioni interna e altre iniziative sulla sicurezza per il tuo personale, spesso il buon senso protegge le informazioni e i dati meglio di quanto possa fare la tecnologia.
  • Spesso le minacce dipendono dalle azioni involontarie dei propri dipendenti. Ad esempio quando inconsapevolmente vengono aperti link o scaricati allegati con all'interno codici malevoli, contenuti in e-mail o SMS di phishing. Tramite questi codici conosciuti come malware, i criminali riescono a prendere possesso di uno o più dispositivi, chiedendo in cambio un riscatto per lo sblocco. Se questo accade ad un dispositivo aziendale, sia esso un computer o un dispositivo mobile, il danno che ne può derivare non è solo economico ma può compromettere la reputazione e il prosieguo dell’attività.


Ecco cosa devi sapere per riconoscerli.

Qui trovi molti consigli utili a proteggere i dati della tua azienda. 

Scopri cos’è il phishing    >>